IL RALLY STORICO CAMPAGNOLO HA RIPRESO IL VIA CON LA PROVA DI MUZZOLON

IL RALLY STORICO CAMPAGNOLO HA RIPRESO IL VIA CON LA PROVA DI MUZZOLON

CAMPIONATO ITALIANO RALLY AUTO STORICHE 2018

Press release Rally Club Isola Vicentina – n° 5 – 2 giugno 2018

 

IL RALLY STORICO CAMPAGNOLO HA RIPRESO IL VIA CON LA PROVA DI MUZZOLON

 

La gara in provincia di Vicenza è ripartita dopo la pausa notturna; sono sei le prove speciali, con arrivo alle 18.30 ad Isola Vicentina. Al termine della prima giornata “Lucky” conduceva la classifica assoluta. Alle sue spalle c’era una vivace la sfida tra Salvini, Nodari e Pierangioli

 

“Domani sarà una nuova gara”. Era il “mantra”, nella serata di venerdì 1 giugno, della maggior parte dei 53 concorrenti che avevano superato le insidie delle prime frazioni cronometrate del Rally Storico Campagnolo. La sosta notturna è valsa a poche e sintetiche regolazioni. La classifica vedeva “Lucky” e Fabrizia Pons al comando della gara su Lancia Delta HF, davanti alla Porsche 911 Rsr Gruppo 4 di Alberto Salvini e Davide Tagliaferri, equipaggio toscano secondo assoluto e primo del 2° Raggruppamento. Terza piazza per la BMW M3 Gruppo A di Paolo e Giulio Nodari; i vicentini si sono esaltati sulle prove di casa dopo aver superato qualche piccolo inconveniente. Stamane avevano 11”7 da recuperare a Salvini e l’esiguo vantaggio di 3″7 su Pierangioli e Guzzi. Quinto assoluto e con poco feeling al rientro in gara era il sammarinese Marco Bianchini sulla Lancia Rally 037 Gruppo B con accanto Riccardo Imerito, seguito a meno di venti secondi da Marcori e Innocenti, primi del terzo Raggruppamento, con la Porsche 911 SC Gruppo 4 ed autori di alcune prestazioni assolute. Nelle tre prove disputate nel pomeriggio e nella serata di ieri – la seconda delle quattro originariamente in programma è stata annullata dalla direzione di gara per ragioni di sicurezza – i toscani sono riusciti superare i bresciani Superti-Brunetti, primi leader di categoria ma rallentati da noie al sei cilindri della Porsche 911 SC Gruppo 4. Terzi, con sensibile ritardo, erano i siciliani Mannino e Giannone con la Porsche 911 SC ed in lotta serrata con Rocchetto e Voltolini. Bene il trentino Nerobutto, soddisfatto della gara che stava conducendo al volante della ritrovata Opel Kadett GTE, ottimo primo della “duemila”. Alberto Battistolli, figlio d’arte, stava correndo con tanta concentrazione, sesto del 3° Raggruppamento e secondo di classe con la non facile Fiat 131 Abarth Gruppo 4, sulla quale l’esperto Cazzaro gli stava dando le giuste indicazioni per contenere la grinta e centrare un risultato importante. Noni assoluti e secondi del 2° Raggruppamento erano i biellesi Bertinotti e Rondi che con la Porsche 911 Rsr, precedevano Costenaro e Marchi, in gara con la Lancia Stratos HF, Gruppo 4. Dopo tre speciali disputate era leadership di 1° Raggruppamento per Dell’Acqua e Galli, che con la Porsche 911 S conducevano su Pardi e Bianco, secondi di categoria con la Lancia Fulvia HF e primi di classe; terzi di Raggruppamento Capsoni e Zambiasi con la Alpine Renault A 110 davanti ai siciliani Nuccio-Sella rallentati da subito da problemi con un falso contatto dell’impianto elettrico della BMW 2002 Tii. Prematuro il ritiro di Bossalini, che dopo aver vinto la prima prova speciale davanti a “Lucky” è stato costretto al ritiro per rottura di un semiasse della sua Porsche.

 

Nella gara del Trofeo A 112 Abarth, conducevano Battistel-Rech, con 14”7 su Sisani-Zanet. Terzi erano Fiora-Beretta a 17”8 davanti a Casa-Casa, quarti ad un solo secondo; seguivano Oriella-Minuzzo, quindi, davanti a Beccherle-Beccherle.

 

Nel Campagnolo Historic di Regolarità Sport, dopo due prove c’era al comando la coppia Iseppi-Zanchi a bordo della Toyota Celica New Rally Team, seguiti da Marchetto-Zamboni, su BMW M3 Scuderia Palladio Historic. Terzi Fracasso-Fracasso con la Mercedes 190 2.3 16V Rally Club Team.

 

Infine, dopo la disputa di sei prove, con ancora una da correre, erano Marcattilj-Giammarino su Porsche 911 a condurre con sessanta punti nella prima edizione del Campagnolo Legend, gara di regolarità a media. Al secondo posto c’erano Dell’Acqua-Vicari su Autobianchi A112 Abarth che precedevano Aiolfi-Giafusti su Volkswagen Golf Gti.

 

Stefano Cossetti – 3483810685

stefanocossetti@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *